Novità

29.11.2017

Salute e medicina

La scelta di essere Badante

Gli scolari oltre a studiare sognano: c’è chi sogna di diventare un dottore, chi un ingegnere, chi un cantante o un attore, qualcuno da grande vorrebbe fare l’infermiere o il professore. Ma nessuno, in una qualsiasi scuola del mondo, ha mai sognato di diventare Badante. In Italia ci sono quasi un milione di Badanti: la maggior parte sono donne e tantissime, se non tutte, hanno sognato nella loro vita di fare qualcosa di importante, almeno per loro, e magari qualcuna era anche riuscita nel suo intento, ma poi ha dovuto fare una scelta diversa, quella appunto di diventare Badante.

Una scelta di cuore, e spesso difficile

L’idea nasce quasi per caso, senza rendersene conto. Succede che uno dei genitori invecchi oppure si ammali e che debba essere curato: allora i figli iniziano ad assisterli senza alcuna esperienza, ma armati solo dell’amore che un figlio ha per i propri genitori. Spesso in alcuni paesi dell’est Europa, del sud America o dell’Africa succede anche che la miseria e la povertà segni il proprio destino. In queste condizioni l’unica soluzione diventa quella di andare via in un paese occidentale, ricco, evoluto, cancellando la propria identità e sfruttare quel poco di esperienza fatta a casa. Si sceglie allora di andare a curare i genitori di altre persone in un paese straniero per cercare di ricostruire la propria vita. Un sacrificio enorme se si considera che si lascia alle spalle tutto, la propria casa, figli, mariti, nipoti e i sogni dell’infanzia.

La Divisione Family Care di Openjobmetis ha grande rispetto per queste donne. Sabato 25 novembre, in occasione della “giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, ha aderito all’iniziativa #filialeinrosa2017 per favorire l’incontro di molte donne che sono alla ricerca della propria dignità e di un lavoro, ed accendere in loro la speranza che si possa fare insieme qualcosa di importante.