Novità

11.10.2017

Salute e medicina

L’importanza degli Ausili Tecnici Sanitari

La decisione di assistere un anziano o disabile nelle proprie mura domestiche non può prescindere da un passaggio fondamentale: è necessario dedicare del tempo per elaborare un programma che tenga in considerazione le necessità di tutti, la persona da assistere, i famigliari e l’assistente familiare meglio definita Badante. Per favorire questo progetto potrebbe essere necessario l’utilizzo di ausili per facilitare la vita quotidiana in casa, questo comporta due fasi fondamentali: a chi rivolgersi per ottenere gli ausili necessari? Come organizzare l’utilizzo degli ausili in casa per ottimizzare l’assistenza domiciliare?

Per quanto riguarda la prima fase è importante sapere che il Sistema Sanitario Nazionale prevede che tutti gli invalidi, con una percentuale di invalidità accertata superiore al 34%, hanno diritto a ricevere protesi, ortesi e ausili tecnici per condurre una vita il più possibile autonoma ed in salute. Una guida ben dettagliata sulle procedure da seguire è stata ben curata da Ilaria Vacca, giornalista Padovana (fonte disabili.com).

 

L'assistenza domiciliare organizzata è un aiuto fondamentale

Invece, per quanto riguarda la seconda fase relativa all’organizzazione, è difficile riuscire a districarsi in quanto si devono considerare una serie di fattori soggettivi. Vanno fatte delle valutazioni sull’impatto emotivo dell’assistito, sulla tipologia della dimora e sulla fornitura degli ausili che sono stati messi a disposizione, non sempre si riesce ad ottenere tutto l’occorrente. Gli Assistenti Sociali in questo percorso hanno un ruolo fondamentale in quanto sono depositari di esperienze indirette ed hanno una preparazione di tipo sociologico in grado di valutare al meglio l’impatto emotivo sull’assistito. Più difficile è capire come devono essere utilizzati gli ausili tecnici, al momento della consegna poche volte il fornitore si preoccupa di trasferire tutte le informazioni sull’utilizzo corretto dell’ausilio ed a volte non vengono forniti i manuali di utilizzo.

Quando poi succede che l’anziano è assistito da Badanti, molte delle quali straniere, allora tutto diventa più complicato, i familiari a volte non sono in grado di trasferire le giuste informazioni sull’impiego degli ausili, anzi si aspettano esattamente il contrario, e questo crea un cattivo approccio ed una assistenza malsana.

La Divisione Family Care di Openjobmetis, nel gestire le assistenze domiciliari, prevede un confronto preventivo con i familiari dell’assistito finalizzato a raccogliere tutte le informazioni relative alle caratteristiche caratteriali ed emotive dell’assistito, alla tipologia dell’alloggio, alla presenza adeguata di ausili tecnici ed alle indicazioni sulle persone deputate ad indottrinare la Badante. Tutti questi fattori contribuiscono ad elaborare un protocollo da seguire che deve essere coerente con il CCNL per Badanti e condiviso da tutti i soggetti interessati.